Magda Culotta: Invasioni Digitali a Pollina

Forse ti piacerebbe leggere...

2 Commenti

  1. bartolo ha detto:

    e noi ce la spassiamo con la festa di san giuseppe!!! siamo davvero nel 2013…

  2. gabriele ha detto:

    Un tempo le invasioni erano sinonimo di rapina e morte, oggi si fa di tutto affinché le nostre cittadine siano invase da orde di turisti pronti a “impadronirsi” dei nostri borghi. Tutto questo per compiacere le piccole ma tenaci lobby di commercianti che dettano legge. Incomincio a dubitare che il turismo sia una risorsa perché vedo la nostra Italia sempre più depauperata dal turismo. Popoli civilissimi nelle loro nazioni di appartenenza arrivati in Italia si adattano in men che non si dica al lassismo latino. Per loro il nostro paese è una specie di zona franca dove lasciarsi andare agli istinti più bestiali. Entrano nelle chiese come se fossero dei musei, senza nessun rispetto per il sentimento religioso. Guardano e si meravigliano delle nostre opere dei nostri borghi della nostra natura ma è come se la gente del luogo fosse invisibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.