Mario Cicero: “proporre l’impeachment del Sindaco Tumminello”

5 Commenti

  1. Passato remoto ha detto:

    Eh già! Già sindaco. E basta.

  2. Giuseppe ha detto:

    Dopo la maschera dei 2001 di questa estate, che lo rappresentava come il Papa, ecco che il nostro eroe si cala nella parte, usando addirittura il plurale maestatis. Certo, questa ancora ci mancava. Dopo il delirante comunicato, tra ululati di lupi e ragli d’asini, ecco quella sui cinghiali. Infatti la dichiarazione che il sindaco attuale non ha fatto nulla per arginare il problema è proprio bella: infatti lo sanno tutti che i cinghiali ci hanno invaso a partire dal maggio 2012. E dieci anni prima non ce n’erano? E il precedente sindaco, (chissà chi era, chi se lo ricorda?) dieci anni prima, cosa ha fatto?
    Per quanto riguarda una struttura sovracomunale a Castelbuono, poi, che c’è di male? Magari, direi, finalmente! Chi era sindaco a Castelbuono quando si è creato il PIST e tale sindaco non ha avuto la capacità di far inserire nell’organico nemmeno un dipendente di Castelbuono? Non certo Tumminello.
    Comunque tutti tranquilli. Il peggio è passato. Restano pochi mesi e poi il nuovo Sindaco ci toglierà i cinghiali e tutti gli altri problemi. Magari farà anche Castelbuono capitale delle Madonie. E poi lo faranno pure papa, per davvero stavolta, altro che maschera!

  3. Franco Scancarello ha detto:

    Cronaca penosa e ipocrita che rivela solo una verità a molti ignota vi era stato un accordo privato complessive segreto nelle Madonie stipulato tra il Cicero, il Ficile, il Vienna, Il Sindaco di Gangi e quello di Pollina per spartirsi Privatamente le cose Pubbliche. Gli altri o sono scudieri di contorno che con qualche piccola prebenda subiscono in silenzio e a volte sono pure costretti a scagliarsi contro chi dissente per apparire più fedele ai manovratori. quekli che ci siamo permessi di disturbare i manovratori ci siamo beccati di tutto e anche qualche querela per diffamazione a mezzo stampa. personalmente non mi toccano le critiche, le ingiurie, gli improperi e le querele, sicuro come sono delle ragioni che ci spingono a lottare per ripristinare le regole democratiche e l’osservanza delle leggi anche nel nostro territorio.
    Ripeto quello che ho detto il 3 Settembre I 2 PRESIDENTI DI SOSVIMA, GAL E DISTRETTO TURISTICO NON SONO IMPRENDITORI DEI DIVERSI SETTORI AGRICOLO, TURISTICO E TERZIARRIO COME GLI STATUTI IMPORREBBERO MA SONO 3 POLITICI E TUTTI LO SANNO, QUINDI RICOPRONOGLI INCARICHI DI PRESIDENTE IN VIOLAZIONE DEI RISPETTIVI STATUTI DELLE STRUTTURE CHE PRESIEDONO.
    Il Cicero in più deve ancora aspettare il pronunciamento del giudice civile per essere certo che la sua elezione e quella degli altri componenti il Suo CDA sia leggittima o venga annullata.
    Per quanto riguarda lo SNAI è stato dimostrato che mai l’Assemblea dei Sindaci ha scelto alcunché, tant’è che lo scorso mese di Gennaio il dott. Falgares, mio ex dirigente Generale, ha convocato l’Assemblea dei 21 Sindaci per compiere quelle scelte. quell’Assemblea ha fatto registrare una spaccatura trasversale e nulla è stato deliberato. E per stasera mi fermo qui altrimenti vi stanco molto

    • Vincenzo ha detto:

      Possibile che i compagni si rendano protagonisti di questi episodi paramafiosi? Noooo,non posso credere che mettano su’ un simile coacervo.
      Possibile che i paladini della giustizia, della liberta’, della legalita’, dell’onesta’, della rettitudine, dell’antimafia, quelli che volano alto, emulano coloro i quali hanno denigrato da sempre, democristiani, berlusconiani, ecc? Come diceva qualcuno in un commento di qualche tempo fa’, “dal cancro puoi guarire, dal compagno no”.

  4. Pink panther ha detto:

    Una bella congregazione di personaggi, insomma. Tutti al servizio della comunità.
    Quando verranno a chiederci il voto diciamogli di andare a lavorare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.