Michele Di Donato il nuovo segretario del PD di Castelbuono

Forse ti piacerebbe leggere...

36 Commenti

  1. Giulio ha detto:

    Mi era preso un colpo! Per un attimo avevo pensato che “Giovanni Ricotta” fosse diventato il nuovo segretario del PD di Castelbuono.

  2. Michele Di Donato ha detto:

    Preciso che nessuno dei componenti del Coordinamento Politico del PD (nè tantomeno gli iscritti, simpatizzanti e non iscritti) è stato costretto ad impegnarsi “a votare per le prossime elezioni regionali Rosario Crocetta”. Tengo a precisarlo non per disistima nei confronti del candidato Crocetta, ma solo per ristabilire la realtà dei fatti. Per fortuna l’Assemblea di ieri è stata molto partecipata, quindi ci saranno molte persone pronte a raccontare ciò che è stato detto. Invito, perciò, l’amico Peppe Spallino, che ha evidentemente inteso male, a rettificare il suo articolo. Grazie.

  3. Pietro ha detto:

    Ecco… lo sapevo… il solito Spallino…

  4. Beethoven ha detto:

    E il buon Mariuzzo Cicero non ha ancora sciolto la riserva?

  5. Piro ha detto:

    In bocca al lupo al nuovo segretario

  6. Michele ha detto:

    Lo spread si sta abbassando!

  7. Gioacchino Cannizzaro ha detto:

    fedeli alla linea?

  8. Pietro 2 ha detto:

    Ma la linea qual’è?

  9. massimo.genchi ha detto:

    La linea può essere retta, curva, piana, aperta, chiusa, spezzata….

  10. massimo genchi ha detto:

    Molte congratulazioni, Michele!
    Mi dispiasce, però, che tu abbia perso l’occasione di non avvalerti di questa prassi dell’elezione per acclamazione, inaugurata da Craxi e subito sposata dall’ex primo cittadino di Castelbuono.

  11. compagno ha detto:

    La linea potrebbe essere: ” Chi non è con noi è contro di noi”…..Oppure: “Si tiene duro e si dura”.

  12. qualunque_mente ha detto:

    Complimenti Michele, non è facile ma apprezzo il Suo impegno e la Sua disponibilità a favore della comunità tutta.
    Il Sig. Genchi che oggi ironizza, dimentica che una volta Lui, e altri come Lui, si consideravano verdi e progressisti, ma è regredito tanto quanto è cresciuto con l’età! E dire che il sottoscritto e tanti altri li avevamo presi come esempi da seguire!
    Almeno il Sig. Di Donato, come il Sig. Tumminello, oggi Sindaco, ci mettono la faccia!

    • massimo genchi ha detto:

      L’ironia sarebbe quella sulla linea? Modestamente ben poca cosa rispetto a quella che solitamente faccio.
      Mi permetto di ricordarle che se in Italia la stragrande maggioranza non fa politica attiva e il 40% non va a votare deve pur significare qualcosa.
      Con Michele, che dimostra tanto coraggio, mi sono congratulato. Lei, che forse fa satira da sempre, in questo mio atto ha ravvisato ironia?

      • qualunque_mente ha detto:

        La mia era una considerazione pura e semplice in quanto non sono un “satiro” e non potrei minimamente sminuire le Sue capacità di satira, che apprezzo da anni, ma notavo una leggera ironia sull’elezione del Sig. Di Donato.
        Capisco che non tutti possiamo fare politica attiva, ma Lei, che anni addietro lottava per alcuni validi principi, oggi si limita solamente a stare dietro le quinte.
        Non vorrei pensar male, preferisce “sollevare le masse” solamente con la satira carnascialesca? La sminuisce di molto!

        • massimo genchi ha detto:

          Per fare politica attiva sono vecchio, regredito (come dice lei) e disilluso (fortunatamente insieme a una marea di italiani). Col gruppo 2001 abbiamo fatto della grande satira politica dicendo cose che chi doveva dire non ha detto. Non mi sento per niente sminuito da questa entusiasmante esperienza perché negli ultimi anni – non so se ha notato – l’opposizione in Italia l’ha fatta la satira, mica il PD.

          • Calogero ha detto:

            Egr. Prof. Genchi, la apprezzo e la stimo da anni. Mi piace il suo modo cosí semplice ma nello stesso incisivo ed ironico nel dire le cose. Continui cosí!

          • qualunque_mente ha detto:

            Concordo appieno, l’opposizione “fa ridere”, ma un po di esperienza al servizio dei giovani che vogliono abbattere questo “qualunquismo” politico servirebbe, confido nell’intelligenza di quegli italiani, e quindi anche di quei castelbuonesi,che vogliono far crescere una nuova classe politica seria ed impegnata aldilà dei “compensi” che questa può garantire.
            Non ho perso il Suo filo, continui, lei assieme ai suoi “compagni”, non me ne voglia per il termine, con la satira verace, perchè se serve a crescere ben venga!

          • massimo genchi ha detto:

            Ragazzi, grazie dell’attestato di stima.
            Perché non partiamo da questo bel sito per avvicinare alla politica (da dx a sx) la parte migliore e più acuta del nostro paese emarginando e smascherando mestieranti di ogni genere e colore?

      • Achille ha detto:

        Qui sul mio onore, smetterei di giocar con le parole,
        ma è un vizio antico e poi quando ci vuole per la battuta mi farei spellare…
        DICO BENE?

        • Achille ha detto:

          era Massimo Genchi

          • Castelbuonolive ha detto:

            Caro Achille,
            Su Castelbuonolive.com ognuno è libero di discutere su ciò che vuole in forma anonima e non,
            tuttavia ci permetta di farle notare che con i suoi ultimi commenti sta facendo un uso improprio del blog, assimilandolo ad una banale chat. Non aggiungiamo altro..
            Saluti
            La Redazione

          • massimo genchi ha detto:

            Mi scusi, in che senso?

  13. Concordo col prof. Genchi! Su una cosa sono solo in disaccordo!Certi politici spesso fanno più ridere di “certi” comici!!!

    • Voltaire ha detto:

      Oui, è vero Monsieur le Grillon!
      Tra Scilipoti e i Guzzanti è veramente difficile stabilire chi faccia ridere di più.
      E lei che se ne intende, come vedrebbe il capogruppo Fiasconaro nel gruppo 2001?

      • Achille ha detto:

        Voltairerere è più forte di me.
        I Guzzanti non fanno ridere,ma fanno riflettere sullo stato del paese o al massimo fanno sorridere, “i sorrisi
        son denari che van spesi con dovuta proprietà”.

    • massimo genchi ha detto:

      Giusto! Quello che lei dice vale per quasi tutti i politici, sia in campo nazionale che locale.

    • videodipendente ha detto:

      casalegggio docet…gli influencer sono tra noi!

      • Casaleggio??? Troppo facile al momento sparare sul MoVimento 5 Stelle senza neanche conoscerlo! Come dice Roberto D’Agostino:

        “Ma tutta questa vostra attenzione su questo “scazzetto” tra i 5 Stelle la applicate per caso anche al signor Passera?” O a Profumo o a tutti i Cuffaro che abbiamo da tanti anni tra i piedi o ai signori che detengono il potere all’interno del Corriere della Sera, come Ligresti e company?”.” Il MoVimento 5 Stelle è un movimento che alle amministrative ha raggiunto l’8%, più della Lega e più di quel ca…o di Casini che ogni volta viene intervistato come se fosse un dio”.

        “Signori, Grillo, in paese di disgraziati come il nostro, è riuscito con un mouse a creare un movimento. Sarà un comico, ma gli altri sono criminali e malfattori”. Nella sua invettiva, D’Agostino sottolinea anche il fatto che il creatore del Movimento 5 Stelle non ambisce ad essere un leader di Palazzo Chigi e, rivolgendosi a Francesco Boccia, fa una domanda provocatoria: “Grillo ha per caso un Penati tra i suoi, come il Pd? Abbiamo visto che il Pdl di Berlusconi è un partito d’affari, ma questo conflitto d’interessi esce da tutti i pori, da tutti i partiti”.

        Ma dietro il PDL, il PD, L’UDC! Chi c’è? Nessuno? O forse Piduisti, affaristi e politici che vengono campati da una vita?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.