Ovada, trenta profughi adottano una famiglia italiana (castelbuonese) in crisi

2 Commenti

  1. miriam ha detto:

    Nel bisogno si riconosce il fratello.Che bella meravigliosa testimonianza.Grazie

  2. saro ha detto:

    se mi manda il numero del telefonino ci possiamo mettere daccordo per i biglietti del treno penso che la nostra associazioni li possa pagare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.