Ovada, trenta profughi adottano una famiglia italiana (castelbuonese) in crisi

Forse ti piacerebbe leggere...

2 Commenti

  1. miriam ha detto:

    Nel bisogno si riconosce il fratello.Che bella meravigliosa testimonianza.Grazie

  2. saro ha detto:

    se mi manda il numero del telefonino ci possiamo mettere daccordo per i biglietti del treno penso che la nostra associazioni li possa pagare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.