PD Castelbuono, “il taglio degli alberi del Parco delle Rimembranze: sacrilegio e distonia”

Forse ti piacerebbe leggere...

6 Commenti

  1. Nicolò Cusimano ha detto:

    Approfittiamo dell’intervento del coordinamento del circolo del PD di Castelbuono che condividiamo nella sua interezza per una precisazione che riteniamo necessaria.
    Corre voce, sempre più ricorrente, che il taglio di circa 30 alberi nel Parco delle Rimembranze sia stato effettuato dalla Pro Loco in esecuzione ad un progetto di adeguamento dell’area per i diversamente abili a seguito di un apposito finanziamento da parte di Fondazione con il Sud. Niente di più falso. La Pro Loco ha ottenuto l’autorizzazione da parte del Comune a realizzare detto progetto e niente altro. Ha rappresentato solamente al Sindaco che diversi rami degli alberi erano secchi e potevano rappresentare, collassando, un pericolo per i frequentatori futuri. Non siamo a conoscenza delle motivazioni che hanno portato ad eseguire quello che riteniamo essere stato un oltraggio alla memoria dei caduti ed uno scempio ambientale. Ci auguriamo che a monte ci sia stato un progetto dotato di tutti i visti, laddove necessari per legge. Siamo certi che le forze dell’ordine (Vigili Urbani e Carabinieri), solitamente sensibili e operosi nella tutela ambientale, non abbiano riscontrato alcuna violazione di sorta.
    Auspichiamo infine che vengano piantumate quanto prima un numero di piante pari a quelle che originariamente conteneva il Parco a memoria, appunto, dei caduti castelbuonesi.
    Il Presidente ed il Consiglio Direttivo della Pro Loco Castelbuono

  2. Scempio senza limiti ha detto:

    Chissà cosa ne pensa il direttore dei lavori, unico soggetto responsabile di quanto accade all’interno del cantiere

  3. Nicolò Cusimano ha detto:

    Ribadisco a “scempio senza limiti”

    Il taglio degli alberi è avvenuto in una parte del Parco non interessata ai lavori del cantiere che riguarda altro. Il taglio degli alberi non riguarda il progetto del cantiere Pro Loco. Sarei tentato di pensare che il suo intervento possa essere stato “commissionato” per alimentare confusione fra autori del fatto. La direzione del cantiere, quindi, non è responsabile dell’accaduto.
    Mi dia cortesemente assicurazione, sig. “Scempio senza limiti” che finalmente ha capito
    Il Presidente della Pro Loco Castelbuono

  4. Scempio senza limiti ha detto:

    In questo articolo https://www.castelbuonolive.com/restyling-del-parco-delle-rimembranze-a-giugno-linizio-dei-lavori-a-cura-della-pro-loco/ parlate di progetto di riqualificazione dell’intera area del parco, qualsiasi lavoro eseguito all’interno dell’area del parco che è tutta da Co sideraesi cantiere, se non autorizzato dagli enti preposti, si chiama abuso e i responsabili sono chiaramente definiti dalla legge. Se questi lavori non sono stati da voi commissionati non vi resta che denunciare chi li ha realizzati, diversamente ne siete complici o quantomeno consensienti.

  5. Nicolò Cusimano ha detto:

    Seconda ed ultima risposta a “scempio senza limiti”

    L’area cantiere, all’interno del Parco, è regolarmente delimitata e preclusa ai non addetti ai lavori.

  6. Nicolò Cusimano ha detto:

    Avevo la speranza che Ella avesse “finalmente” capito. Rinuncio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.