PD Castelbuono: “La Questione Morale” e la “Questione Mafiosa”

Forse ti piacerebbe leggere...

33 Commenti

  1. a mia memoria ha detto:

    A mia memoria non ricordo un documento politico più duro di questo dal lontano 1992.
    Chissà come risponderà il sindaco sempre solerte su questo blog a dire la sua.

    C’è immoralità diffusa nel nostro paesello
    È il momento di prenderne atto.

  2. Ex compagno ha detto:

    Ci vuole coraggio e faccia tosta…

    Parlate voi di questione morale che nel vostro partito avete il più alto numero di indagati, condannati ed arrestati all’interno del vostro partito!

    Parlate voi di questione morale con tale prosopopea da considerarvi ancora oggi punto di riferimento su tale argomento?

    Ma solo solo per citare da ultimo lo schifo che si è scoperto in Umbria o in Calabria voi non dovreste più citare Berlinguer (che per inciso si rivolta nella tomba).

    Non avete ancora capito che continuando a guardarvi l’ombelico e ritenendovi sempre i puri, i migliori, quelli con le soluzioni a tutto (che non attuate quando siete al governo ma le sbraitate quando siete all’opposizione) vi rende solo più stucchevoli e arroganti alle persone?

    Ma tanto non ci arrivate, siete talmente empi e pieni di voi che nemmeno se Berlinguer scendesse di nuovo sulla terra e vi prendesse a calci nel di dietro da qui all’eternità, lo ammettereste…

  3. Enrico rendi travagliate le loro notti ha detto:

    Non c’è più la DC ma a leggere la cronaca pare che l’immondezzaio ci sia ancora. Si veda per esempio lo scandalo della sanità in Umbria l’ultimo a marchio di fabbrica PD. Ma state tranquilli che non sarà l’ultimo.

  4. amorale ha detto:

    amorale è chi fa firmare busta paga e si fa restituire una parte della retribuzione
    amorale è chi risulta al lavoro ed invece è a farsi i propri affari
    amorale è chi promette e dà pubbliche utilità ad amici e parenti
    amorale è chi usa il bene comune come se fosse un mezzo privato
    amorale è farsi togliere una multa da un proprio preposto
    amorale è affidare un servizio pubblico senza bando
    amorale è chi non paga il salario al proprio dipendente
    amorale è attentare alla salute di bambini con interventi approssimativi e spregiudicati

    ma il più amorale di tutti è colui che è a conoscenza di tutto questo ed è indifferente se non complice

    • morale ha detto:

      amorale ma cu si tu ca ni vo fari a morale a nuatri u nostri paisi e nu gioello di correttezza parli di cose di cui il nostro forgiato giornalista non ha minimamente accennato quindi tutte fakee news ma di che stiamo parlando

      • decadimento ha detto:

        oltre ad esser amorali alcuni di questi fatti potrebbero divenire garanzia di avvisi….

        di non morale, vista la cronaca quasi giornaliera ci sono anche

        l’uso diffuso di droghe (e di alcol)
        la prostituzione (più chi ci va che chi la esercita) e le violenze sessuali su minori
        l’associazione a delinquere (mafiosa)
        la ludopatia

        oltre al pd che si pone comunque il problema di un decadimento morale nel nostro paese ci sono altri che la pensano allo stesso modo o è un problema che il pd si è inventato?

        curioso di conoscere nel merito il pensiero dei democratici per castelbuono, di castelbuono in comune, di qualche prete e di altre associazioni sociale e del volontariato

  5. cinque cani ha detto:

    ho votato perchè mi avevano promesso 780 euro
    mi hanno inviato un sms dove mi dicono che ho ottenuto il reddito di cittadinanza pari a 183,50 euro, prima ne prendevo 350 con il reddito di inclusione

    una vergogna

    avrei ottenuto di più adottando 5 cani e non votando 5 stelle

  6. Peppe Cicero ha detto:

    Il PD Circolo di Castelbuono, dopo che la sua classe politica, in una trentina d’anni ha distrutto l’Italia, in tutte le formazioni politiche che hanno usato, con collusioni in tutto quanto di vomitevole gli portava consenso, è pure capace di pubblicare una nota del genere, appellandosi, (e su questo sono in buona compagnia) come solo gli sciacalli sanno fare, alla figura carismatica di BELLINGUER. Su una cosa hanno pienamente ragione: che l’immondezzaio a cui fanno riferimento, è tuttora in essere nel loro Partito proprio a partire dalla Sicilia e questo ciarpame andrà ad accogliere Zingaretti per portarlo nella patria di Messina Denaro.

  7. in attesa ha detto:

    i piddini paiono mettere le mani avanti rispetto alla situazione castelbuonese che pare sempre più un verminaio fra esposti, indagini e pedinamenti

    chissà che non abbiano ragione ad esser allarmati

  8. parissi ha detto:

    parissi scritti talmente generico da non riguardare l’ombellico che il mondo ci guarda e ride per non piangere

    ed invece è ad immagine e somiglianza della realtà che ogni giorno il giornalista descrive sul giornale di sicilia

    reato ambientale
    falso ideologico
    peculato
    abuso d’ufficio
    mancano solo le corruttele (ma cӏ tempo)

    ma di cosa state parlano, siamo noi

  9. Legalità ha detto:

    Il conto arriva sempre appena ti siedi e mangi fai muddricaglie e sicuri e certi che ad oggi niente aveva oltrepassato u ponti da sciumara tanto avete detto e fatto che siamo il centro del mondo che il mondo di guarda che tutto gira attorno a noi che finalmente hanno aperto gli occhi.
    E sono sicuro che la giustizia lenta lenta arriverà, morale della favola attendiamo, non è bello come come dice “amorale nel suo post” ci saranno grandi tremori, io inizierei a prendere le distanze.

  10. Vincenzo capuana ha detto:

    Il 25 aprile.
    La Resistenza.
    La Libertà.

    Partigiani sempre.

    • La Verità ha detto:

      È vero. Ma il 25 aprile segna pure la data dell’inizio della resa dei conti, delle esecuzioni sommarie, delle impicaggioni e dei delitti impuniti. Anche se la storia viene scritta dai vincitori, non dimentichiamo il sangue dei vinti.
      E adesso scatenatevi pure contro il mio post. La verità fa male

      • aldo dice 26x1 ha detto:

        I vinti sparsero sangue distruzione terrore e dolore per venti anni, o lo hai scordato? Già, ma tu che ne sai? Tu puoi essere al massimo uno di quei laziali dell’altro ieri a piazzale loreto.

        • La Verità ha detto:

          Studia, prima di parlare. Tutti i libri però, non solo quelli scritti dai vincitori.
          p.s. io non ero a Piazzale Loreto con quegli esaltati; idealmente ci sei tu ad appendere ancora a testa in giù il cadavere di una donna che non aveva avuto altra colpa che amare l’uomo sbagliato.

    • pino ha detto:

      la libertà l’hanno portata gli eserciti alleati che ci hanno invaso.sconfiggendo un regime che fino alla metà degli anni trenta godeva di un diffuso consenso perchè gli italiani sono così, e che se non era per la guerra sarebbe purtroppo durato come durò Franco in Spagna. La resistenza in italia è stata, soprattutto, una guerra civile, spesso tra due opposti totalitarismi. con eccezzioni ovviamente, rilevanti eticamente, molto meno militarmente

      • Giuseppe ha detto:

        Gent.mo Pino,
        fa sempre piacere ascoltare una voce fuori dal coro, una mente pensante che non ha creduto alla “grande bugia”, cioè alla storia inventata dai comunisti secondo la quale erano stati i partigiani a liberare l’Italia. L’Italia fu liberata (o invasa, a seconda dei punti di vista) dagli Alleati e non certamente dai partigiani, come vuol farsi credere. Non avevano né i numeri, né i mezzi per farlo. Loro combatterono solo una guerra civile contro i nazi-fascisti. Nient’altro. A chi non crede a questo, lo invito ad andare a visitare i cimiteri Canadesi di Agira o di Siracusa. Guardare i nomi e l’età di tantissimi giovani stranieri che diedero la vita per liberarci. Soldati, soldati veri. Non fanatici accecati dell’ideologia comunista che vedevano la guerra civile e la liberazione, solo come la prima fase di una rivoluzione per transitarci da un regime nero ad un altro rosso. Per nostra fortuna le cose andarono diversamente e di questo dobbiamo solo ringraziare gli Alleati e quei giovani che morirono per la nostra libertà; quella vera, non certamente quella a cui anelavano i partigiani rossi.

    • pino ha detto:

      questo per esempio è uno dei casi che il partito comunista italiano ha sempre occultato visto che i comunisti italiani furono dalla parte dei “partigiani” jugoslavi

      MALGA BALA

      https://it.wikipedia.org/wiki/Eccidio_di_Malga_Bala

      https://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2018/02/04/foibe-gen-arpino-malga-bala-quei-corpi-denudati-lividi-ancora-ricordo_fv0CKOCESYO0h8KHQeUJ3J.html

      tutto questo non per innescare polemiche. fu una guerra civile, che è la peggiore delle guerre. i fascisti fecero efferatezze pari.
      da democratico tuttavia non credo alla storia come mi è stata confezionata a scuola. e buona parte delle brigate garibaldi ci avrebbe voluto satelliti di Stalin, fortunatamente la ruota della storia girò diversamente, ma sebbene questa Repubblica nata dalla morte dello Stato Liberale, per leggerla come Renzo De Felice, sia fondata da chi era nel CNL, più di un’ombra si allunga sino ai nostri giorni.
      semplicemente dobbiamo la libertà agli Stati Uniti più di tutti.

      • Ora e sempre resistenza ha detto:

        Forse lei non sa che del CLN (così come l’ho scritto io) facevano parte oltre ai comunisti e ai socialisti anche azionisti (significa appartenenti al partito d’azione), cattolici, popolari, liberali, gente libera dai partiti che aveva pagato con la vita (quelle vite degli antifascisti che per gente come te non valgono nulla) e gente che ne aveva fino sopra i capelli del massimo esponente del cosiddetto stato liberale, per leggerla come De Felice che, rciordiamolo, è il massimo storico del fascismo.
        Io invece ritengo che 21 milioni di morti lasciati dai russi sul terreno (quei morti dell’esercito russo che per gente come te non valgono nulla) non siano proprio da trascurare in termini di contributo alla liberazione. E senza la disfatta in Russia dell’esercito tedesco la liberazione sarebbe stata assai più problematica. Poi possiamo parlare degli americani senza trascurare gli accordi da essi fatti con la mafia americana per rendere più agevole lo sbarco in Sicilia.

        • Giuseppe ha detto:

          Lo so benissimo chi faceva parte del CLN. Nel mio post (ultima riga) mi riferisco solo ai partigiani rossi, che comunque rappresentavano la maggioranza e che non si fecero scrupolo nemmeno di eliminare chi, partigiano come loro, non condivideva l’ideologia comunista (ma questo i libri di storia non lo riportano).

        • Giuseppe ha detto:

          Lei fa passare la voglia di scrivere una propria riflessione. Tirando in ballo una lettura parziale della Russia sovietica. Magari ci metta anche le fosse di kathyn e i gulag e le esecuzioni sommarie del compagno beria. La guerra civile ha lasciato strascichi profondi in questo paese, lontani dall’essere elaborati

          • Giuseppe ha detto:

            La Russia sovietica si era accordata con la Germania nazista per dividersi la Polonia. Se ne ricordi prima di eleggere i comunisti sovietici e la loro dittatura a liberatori

          • Ora e sempre resistenza ha detto:

            Se non le è chiaro io non ho risposto a lei. Non rispondo a uno che nel tempo ci ha deliziato con elenchi sterminati di presunti meriti del fascismo. E il fascismo è fuori legge e io con gli apologeti del fascismo non parlo.

  11. aldo dice 26x1 ha detto:

    solo tu e giampaolo pansa dite queste cose, portate avanti questa logica stupida di configurare con tutta la resistenza le efferatezze di quattro infiltrati. Pensa alle colpe che ebbero quelli che furono presi non mentre fuggivano carichi di oro verso la svizzera ma dalle loro case per mettere in atto le rappresaglie dei tuoi amici repubblichini. Pensa alla grande colpa di essere lontanamente ebreo e finito nelle camere a gas. Parla, parla. Parla tu e giampaolo pansa.

    • La Verità ha detto:

      “La sua unica colpa è di aver amato un uomo”.
      Non sono né parole mie, né di Giampaolo Panza. Lo disse Sandro Pertini, che ritengo una voce molto autorevole, più di qualsiasi giornalista improvvisatosi scrittore e di qualsiasi commentatore di blog.
      Uno che per antifascismo si era fatto il carcere e il confino ed era stato condannato a morte dai nazisti, e ne scampò evadendo da Regina Coeli, e infine votò per l’esecuzione di Mussolini, ecco, tale era la sua vergogna per la macelleria messicana che nel 1983 Pertini disse: «La sua unica colpa è di aver amato un uomo».
      Te lo ripeto: studia prima di scrivere. La chiudo qui, ritengo inutile continuare il dialogo. Preferisco altri interlocutori, meno imprigionati dalla loro stessa ideologia.

      • aldo dice 26x1 ha detto:

        Chi sia stato Pertini non sei certo tu che devi insegnarlo a me, studiosetto basato.
        Ma visto che hai studiato perché non dici invece quali furono le colpe di tutti i poveretti presi non mentre fuggivano carichi di oro verso la svizzera ma dalle loro case per mettere in atto le rappresaglie dei repubblichini? Quali furono le colpe di essere anche lontanamente ebrei per finire nelle camere a gas?
        Che tipo di macelleria fu quella del 10 agosto 1944, sempre in piazzale Loreto, con 15 poveretti prelevati da san Vittore e fucilati come cani in mezzo alla strada dai repubblichini e lasciati lì a terra per tutta la giornata mentre gli eroi della brigata Muti sotto la minaccia delle armi costringevano i passanti e i viaggiatori sui tram a scendere e guardare quella macelleria a norma?
        Tu che hai studiato e hai letto della macelleria messicana e di Pertini è un vero peccato che abbia omesso il seguito del post riguardante Clara.
        Allego qui sotto il link non per te, tanto lo sai cosa c’è scritto, ma per ribadire che la storia non è quella che ci insegnano a scuola ma neppure (per fortuna) quella che vorresti spacciare per tale.

        https://www.robadadonne.it/galleria/il-femminicidio-e-la-santificazione-di-claretta-petacci/

  12. claretto ha detto:

    Verità,
    se oggi ci fosse un regime in italia, come era un regime il fascimo di mussolini, le sciocchezze che dici non potresti dirle.
    La libertà di cui tutti godiamo oggi nasce dalla lotta di resistenza e dalla liberazione.
    Anche la tua libertà.
    Il resto è revisionismo (ridicolo).

  13. io festeggio ha detto:

    leggiamo ciò che dice il Presidente Mattarella

    https://www.repubblica.it/politica/2019/04/25/news/25_aprile_mattarella_depone_corona_alloro_ad_altare_patria-224816162/?ref=RHPPBT-BH-I224802389-C8-P1-S1.8-T1

    Ognuno può festeggiare o meno.

    Certamente come dice il Sindaco di Milano:
    “Festa non di tutti, ma di chi crede nella democrazia e nella libertà”

    IO FESTEGGIO

  14. Paolo Cicero ha detto:

    Premesso di non avere relazioni né con il PD, né con il M5S, né con altri soggetti politici (non spreco parole per precisare la mia estraneità rispetto alla Lega), voglio dire che l’avere al proprio interno eventuali casi di gestione non limpida della cosa pubblica, non credo squalifichi il tentativo di qualunque partito politico, in questo caso del PD, di porre una “Questione morale”. D’altra parte l’Italia, dallo Stato a un qualsivoglia piccolo Comune, di questo ha bisogno: di saper indirizzare sforzi e finanze verso atti e opere non impoverite o rese inutili dalla mancanza di etica, professionalità, capacità, imparzialità.
    Purché il porre la “questione morale”, come qui ha fatto il PD, sia sincero negli intenti, effettivo nelle azioni consequenziali e concreto nell’essere perseguito (includendo quindi anche eventuali casi interni da debellare).
    E questo intento mi pare di coglierlo nel post che il PD ha pubblicato, più precisamente nelle parole: “Il PD deve innanzitutto praticare un’intransigente opera di moralizzazione, almeno per la parte che ci riguarda, sapendo bene che è un problema trasversale al sistema politico e burocratico”.
    Quindi – salvo che gli autori del post non smentiscano questa mia lettura e ferma restando la necessità di netto affrancamento, per il PD, dalle logiche della passata direzione (di cui tutto si può dire tranne che abbia reso felice il riposo del giusto Enrico Berlinguer) – vedo come una cosa positiva che il PD abbia posto la “questione morale” da applicare al suo esterno come al suo interno.
    Se i principi dichiarati non risulteranno solo una leva elettorale o un espediente finalizzato solo a screditare chi amministra “pro tempore”, e si materializzassero negli atti a seguire come applicazione di un principio non scalfibile nemmeno da eventuali logiche di governo, potrebbero generare adesioni e condivisioni, al di là dei commenti spiccioli, spesso viziati da pulsioni personali o comunque di parte.

    Facile a dirsi ma difficile a farsi? Forse, ma non impossibile.

    • utente ha detto:

      se poi oltre a quanto da lei citato, si togliessero quella spocchia, quell’aria da illuminati, quel so tutto io, fate largo che passo io e voi non siete un c****, forse, e dico forse, recupererebbero una parte dell’elettorato perduto ma non credo tutto ciò sia possibile in Italia come a Castelbuono.

  15. Valerio ha detto:

    Al di là di tutto, non riesco a comprendere i milioni di euro che i cittadini italiani elargiscono all’ ANPI. E non trovo un solo motivo x cui l’ANPI li accetti. Il tutto al netto di storie come quella di Giuseppina Ghersi e di Arrivo Boldrini.

COMMENTA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.