A rischio chiusura l’Ospedale Giglio: 500 posti di lavoro in pericolo

3 Commenti

  1. Antonio2 ha detto:

    Il sito web recita:

    “…la Fondazione Istituto G. Giglio di Cefalù, veniva istituita il 17 gennaio del 2003 attraverso una joint venture tra la Regione Siciliana, il Comune di Cefalù, l’Azienda USL 6 di Palermo, oggi Asp, e la Fondazione San Raffaele del Monte Tabor di Milano….

    …Oggi Il presidente della Fondazione, con il nuovo Statuto, viene designato dal presidente della Regione.

    I soci fondatori della Fondazione che ha assunto la denominazione di “Istituto G. Giglio di Cefalù” sono la: Regione Siciliana, Comune di Cefalù, Asp di Palermo, a cui si aggiungo i nuovi ARNAS Civico G. Di Cristina Benfratelli di Palermo e l’Azienda Ospedaliera Ospedali riuniti Villa Sofia – Cervello di Palermo”.

    MI SEMBRA CHE OGGI DI PRIVATO CI SIA SOLO LA GESTIONE.

    E PROPRIO PER QUESTO, NON SI CAPISCE (A VANTAGGIO DI CHI) PERCHÉ LA REGIONE NON VOGLIA FARE PIÙ LA PROPRIA PARTE (FINANZIAMENTI) VERSO UN OSPEDALE COME IL “GIGLIO” CHE NEGLI ANNI E’ DIVENTATO UN PUNTO DI RIFERIMENTO, PER LE MADONIE E PER LA SICILIA INTERA, SOPRATTUTTO NELL’ONCOLOGIA, NELLA MEDICINA NUCLEARE,…

    INVITO IL SINDACO DI CASTELBUONO INSIEME A TUTTI GLI ALTRI DEL TERRITORIO A FARE SENTIRE LA PROPRIA VOCE IN REGIONE.

  2. antonio ha detto:

    A rischio sarebbero circa cinquecento posti di lavoro…

    mi dispiace. ma è più grave che a rischio ci sia il diritto alla salute dei cittadini delle madonie, ancora una volta cittadini di serie B.
    l’ospedale ci sta per dare un servizio sanitario ai cittadini, o per dare posti di lavoro in un’area depressa dove lavoro non ce n’é

  3. Enzo ha detto:

    Non ho capito bene chi è l’ artefice di questo progetto intelligentissimo. Si scherza con la salute delle persone e con i posti di lavoro in un momento così delicato? Ma smettiamola!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.