Sabato 27 marzo in streaming l’intitolazione dell’aula consiliare al sen. Carollo

Forse ti piacerebbe leggere...

18 Commenti

  1. lupus senza fabula ha detto:

    Peccato che manchi l’avv. LUPO, la figura castelbuonese più prestigiosa che più potrebbe parlare di Dc e del Sen. Carollo!

  2. scialuppa ha detto:

    tentativi sempre più disperati per rimanere a galla

  3. Alberto ha detto:

    Integrazione autonoma al comunicato:
    – On.le Totò Cuffaro: condannato definitivamente a sette anni di reclusione per favoreggiamento personale verso persone appartenenti a Cosa nostra e rivelazione di segreto istruttorio. Mafioso (fonte Wikipedia)
    – Sen. Carollo: Il suo nome fu trovato nella Lista degli appartenenti alla P2 (Palermo, 295).

    NB: breve analisi, esemplificativa, della P2, acronimo di Propaganda due, fondata nel 1877 con il nome di Propaganda massonica. (fonte Wikipedia):
    1) La P2 fu un’associazione a delinquere e loggia della massoneria italiana aderente al Grande Oriente d’Italia (GOI)
    2) La Commissione parlamentare di inchiesta concluse il caso P2 denunciando la loggia come una vera e propria «organizzazione criminale» ed «eversiva»
    3) Nella notte del 4 agosto 1974, a San Benedetto Val di Sambro, avvenne la strage dell’Italicus: morirono 12 persone e ne furono ferite 48. La sentenza… attribuì la strage all’ambiente di Ordine Nero e alla P2.
    4) La strage di Bologna, avvenuta il 2 agosto 1980, nella quale furono uccise 85 persone e 200 rimasero ferite… Documenti firmati da Licio Gelli proverebbero il pagamento da parte della loggia massonica agli esecutori della strage. Fu Licio Gelli, con il denaro sottratto al Banco Ambrosiano di Roberto Calvi (altra strage, nota personale), il regista occulto di quel crimine.
    5) Eccetera…

    • La rivoluzione russa profondamente ha detto:

      Fate vedere questo commento all’assessore al bilancio perché faccia un bilancio
      e capire a che punto è arrivato con la sua rivoluzione,
      senza dimenticare di mettere nel conto anche la cittadinanza a Mussolini

      • Alberto ha detto:

        L’assessore al bilancio, mio amico, conosce il mio pensiero e spesso dibattiamo aspramente sulla base delle mie o sue idee.

        Il commento, che lei sta cercando di strumentalizzare (come d’altronde il 95% dei commenti che leggo sotto ogni articolo) non è volto a sminuire politicamente l’operato amministrativo; preferisco esprimere le mie critiche in altre sedi, confrontandomi verbalmente con i miei rappresentanti, di maggioranza od opposizione che siano.

        Vuole semplicemente mettere in luce come spesso tendiamo a focalizzarci ed esaltare lo spessore politico di certi personaggi, la “carriera” ed i ruoli ricoperti, trascurando il lato ingombrante e piuttosto oscuro di quest’ultimi.

        Ricordo, che si può benissimo discutere, criticare e confrontarsi su tanti temi senza per forza ricondurre tutto alla domanda “Amicu o nnimicu?”.

        Grazie mille per aver recepito il messaggio

        • La rivoluzione russa profondamente ha detto:

          C’è un assessore che ritiene di essere a modo suo rivoluzionario
          Si chiede di fare vedere all’assessore rivoluzionario questo commento che parla di Cuffaro, della sua condanna per mafia e dell’appartenenza del senatore Carollo alla P2 per capire che ne pensa l’assessore visto che dovrebbe avere condiviso l’iniziativa.
          Non si capisce cosa c’entri la strumentalizzazione e cosa c’entri l’autore del commento in tutto ciò.
          Il rapporto che l’autore dell’articolo ha con l’assessore non penso sia di un qualche interesse

    • ei fu moralista ha detto:

      nulla da dichiarare i sinistroridi al potere?
      un tempo moralisti…

      • ei fu e basta ha detto:

        Il sinistro si è coperto con la foglia fico mettendo nella locandina Moro, De Gasperi e don Sturzo quando sarebbe stato più proprio mettere Fasino, Gioia, Scelba e altri esponenti democristiani siciliani.

    • Salumiere ha detto:

      L’onorevole Cuffaro ha scontato tutta la sua pena, TUTTA.
      Cosa non facile oggi. Le consiglio di leggere i suoi libri piuttosto che Wikipedia, magari lo guarderà con altri occhi (senza il salame sopra)

      • Qualunquista ha detto:

        Il fatto che Totò Cuffaro abbia scontato tutta la sua pena, non vuol dire che è uno stinco di santo, gli rammento che per la legge Italiana è un delinquente.
        Quello che ha fatto, lo ha fatto una volta, può rifarlo una seconda volta.

        • Giuseppe ha detto:

          SPIACE COMUNICARE CHE PER LA LEGGE ITALIANA AVENDO ESPIATO LA PENA PU0′ ADIRE ALLA PROCEDURA DI RIABILITAZIONE ED E’ UN CITTADINO CON LA SUA STESSA DIGNITA’ E DIRITTI

      • Alberto Cucco ha detto:

        Gentile “Salumiere”, le rispondo in quanto commento a me indirizzato. Pur definendomi (poco umilmente) un gran lettore, non ho mai avuto modo (e sinceramente, a titolo personale, non penso che lo avrò mai) di leggere nessuno dei libri scritti dal Cuffaro.

        Pur consapevole del fatto che lo stesso abbia scontato la pena interamente, cosa che, tra l’altro, dovrebbe essere la prassi per ogni cittadino uguale davanti alla legge (non vedo perchè lodarla, semmai bisognerebbe indignarsi e lottare qualora accada il contrario), è per me opportuno fare una riflessione; nei miei 26 anni di vita, grazie ai miei genitori ed ad una educazione scolastica adeguata, ho avuto la possibilità di costruire un pensiero critico, distinguendo un atteggiamento giusto da uno sbagliato e soprattutto, specialmente in una regione come la nostra, imparando a riconoscere un gesto mafioso qualora questo si palesasse.
        Essendo Cuffaro una persona istruita e con molta più esperienza rispetto alla mia, riconosco nei suoi atteggiamenti due aggravanti, che lo pongono, in rapporto alla mafia, su di una posizione differente rispetto al semplice “mafiosetto” di Brancaccio o dello Zen:
        1) Aver perpetrato azioni mafiose conoscendone la radice e quindi la malvagità delle stesse;
        2) Aver agito sotto investitura politica, che dovrebbe invece essere una certificazione di comprovata integrità morale;

        Penso che tutti debbano avere una seconda opportunità, scontata la pena e le eventuali interdizioni connesse, ma credo anche che macchie così profonde lascino sempre qualche alone, specie in chi avrebbe dovuto difendere l’interesse pubblico da atteggiamenti criminali, motivo per cui non provo affatto piacere nel sentirlo parlare all’interno dell’aula consiliare del mio comune.

        Breve nota a margine: l’utilizzo di Wikipedia, come penso sia chiaro a chiunque sappia leggere con senso critico, è il più facile accesso a fonti, più o meno imparziali, consultabile sul web; penso che nessuno preferisca la lettura dell’enciclopedia online ad un buon libro. Sono sicuro che non intendeva dire questo.

        Un saluto

  4. Baci ha detto:

    Peccato che il COVID non ci permetterà di ricevere i baci da parte di Cuffaro, ma mi consolo pensando che, ricevendolo con tutti gli onori che merita nella Casa Comunale, gli amministratori, opportunamente disinfettati, in testa l’assessore al bilancio, lo abbracceranno e baceranno a nome di tutta la cittadinanza.
    Prestianni: comunista forever!!!
    Che sà da fà per campà!!

  5. Animuzza innocente ha detto:

    Ma Cuffaro chi? Quello condannato definitivamente per favoreggiamento personale a Cosa Nostra? Totò “Vasa Vasa”, quello che aggredì verbalmente il Giudice Giovanni Falcone?

    https://youtu.be/F5MZmJLMQ9Y

  6. Totó ha detto:

    Come fará Cuffaro ad essere presente nell’aula consiliare visto che siamo in zona arancione? Se non erro ancora non ha la cittadinanza caatelbuonese ( almeno per ora, magari l’amministrazione gliela dará ad honorem prossimamente). Quindi non può spostarsi dalla sua residenza se non per motivi validi, secondo le disposizioni che tutti conoscono. Partecipare ad una cerimonia è motivo valido? O il Sindaco gli ha concesso un lasciapassare speciale? Sarebbe il caso che l’amministrazione chiarisse , soprattutto per fare in modo che Cuffaro non violi alcuna norma, che già qualche precedente lo ha.

    • Flop ha detto:

      Ma siete sicuri che il Dott. Cuffaro sarà a Castelbuono? Io non ci credo, come non credo a nulla di quello che dice o scrive “qualcuno”. Siete troppo creduloni e proprio per essere troppo creduloni ci ritroviamo in questa situazione. Se vi dico che gli asini volano mi credereste? Allora perché se ve lo dice qualcun altro ci credete?

  7. Perditempo ha detto:

    Più che in emergenza covid, questo paese nell’ultimo anno mi è sembrato in emergenza “intitolazioni”. Ma è accettabile che, mentre tanta parte della popolazione vive un periodo di estrema difficoltà, l’amministrazione trovi sempre (e solo) tempo per le sciocchezze?!? Credo che c’è un tempo per ogni cosa…e questo è quello sbagliato per le intitolazioni! Spero che la gente libera si ricordi di tutto questo “operato” quando verrà il momento.

  8. I padri del comunismo ha detto:

    Totò ha fatto sapere che non appena sarà arrivato a Castelbuono passerà a prendere il neo assessore direttamente a casa. Non sappiamo se si baceranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.