Le grandi aiuole all’ingresso di Castelbuono in via Mazzini e a Pontesecco adottate da villa dei melograni e studio di stefano

Forse ti piacerebbe leggere...

9 Commenti

  1. adotta un monumento ha detto:

    Potrebbereo adottare il sindaco e portarselo a casa

  2. Spade ha detto:

    Ben venga la collaborazione per fare qualcosa di utile e semplice. Un grazie a chi interviene. tuttavia eviterei fanfare assessoriali. Il rispetto dell’ambiente e dell’ecosistema richiama ancora prima la necessità di promuovere una alimentazione sana, tradizionale e legata alla stagionalità, piuttosto che premere ancora l’acceleratore sulla capacità di esaltare il palato a tutti costi, specie se il palato è del turista.

  3. La verità ha detto:

    Scusate chiedo per un mio amico: ma il comune cosa gli è rimasto da curare? Abbiamo appaltato tutto, e dato in gestione tutto.

    • Piano Marshall ha detto:

      Iniziative lodevoli, il problema però è che manca una visione d’insieme. Tutti questi lavori sembrano scollegati l’uno dall’altro. Dispiace che non si capisca che la cura del verde deve essere supervisionata da professionisti con un progetto che abbia un senso logico. Si farà lo stesso errore della miriade di cantieri aperti negli ultimi mesi. Staranno lavorando tante persone in questo periodo, ma i lavori sembrano “ratteddre” fatte a casa… Non ci state lasciando nulla di bello. Le strisce pedonali resteranno anche per anni ma sono veramente brutte, al posto dei sanpietrini abbiamo la piazzetta con più strisce pedonali di Canden Town.

      • Roberto Battaglia ha detto:

        Vi siete dimenticati del ponte (vecchio) di Panarello. Menomale che qualcuno ci sta pensando, peccato che si sta perdendo e crollando. Andate a visitare, visto che l’amministrazione comunale non fa nulla dopo 25 anni di sollecito.

  4. asticazzi ha detto:

    costo delle strisce 24,400 euro. non sapere come buttare i soldi. Oppure sì

  5. Giuseppe ha detto:

    a proposito di sperperi.. la solerte amministrazione sta inviando a tutti, vicini e lontani, i bollettini di pagamento del conguaglio TASI, in cui si richiedono, come al solito, bollette regolarmente pagate. DI questo sperpero di soldi per richiedere quanto già versato, di questa vessazione sul cittadino, tra i quali una parte non trovando magari le ricevute ripagherà. qualcuno può dare spiegazioni? sono ANNI che la solerte dirigente ci scrive chiedendo soldi già pagati. L’opposizione esiste? un esposto alla corte dei conti? una richiesta di accesso agli atti per sapere quanta è la spesa di posta per la richiesta di bollette pagate? e per sapere chi controlla PRIMA DI SCRIVERE Urbi et Orbi, e poi cavoli vostri. Siete VESSATORI ed operate al limite dell’abuso d’ufficio

  6. Quanto mi costi ha detto:

    Vogliamo sapere il costo degli avvocati…ci sarà pure qualche impiegato comunale informato dei fatti, o no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.