U iùochî pignati, a vampa, e u manciar’i san Ciuseppi a pport’apìerti

Forse ti piacerebbe leggere...

2 Commenti

  1. P.Paolo Fiasconaro ha detto:

    Complimenti per questo saggio di memoria del prof.Massimo Genchi. Sono spaccati di vita vissuta intorno ad una pieta’ popolare da non disperdere. Credo che l’erede dello storico ( sic) Antonio Mogavero Fina, continuerà’ a farci rivivere questi ricordi che affondano nelle radici della vita e della cultura della nostra Castelbuono. Per chi vive lontano dal paese, sono pillole salutari…per non dimenticare!

  2. A.Fiasconaro ha detto:

    Grazie Massimo,mi è sembrato di ritornare indietro di tanti anni.
    Quanta nostalgia!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.